< NEWS

Puglia: il Reddito energetico regionale è legge

Il Consiglio della Regione Puglia ha approvato all’unanimità la Legge che introduce il Reddito energetico nazionale: nuclei familiari in stato d’indigenza o particolarmente numerosi, coppie giovani e persino condomini potranno richiedere l’installazione di moduli fotovoltaici e impianti micro eolici finanziati completamente dalla Regione Puglia che in cambio riscuoterà il contributo in conto scambio dal Gestore dei servizi energetici per l’elettricità in eccesso reimmessa in rete.

La Puglia diventa così la prima regione italiana ad adottare il sistema del Reddito energetico regionale: dopo la sperimentazione portata avanti in Sardegna, a Porto Torres, la misura potrebbe estendersi anche ad altre regioni sulla scia di quanto approvato dal Consiglio pugliese.

La misura punta da una parte a favorire la diffusione delle energie rinnovabili (e con esse a tagliare le emissioni relative alla produzione energetica) e dall’altra a sostenere le fasce di popolazione meno abbienti: la Regione fornisce in comodato d’uso gli impianti fotovoltaici e microeolici senza nessun onere a carico degli utenti ad eccezione degli interventi di manutenzione ordinaria, dell’eventuale riscatto delle attrezzature o degli obblighi di risarcimento in caso di decadenza del beneficio.

Per il 2019, la Regione Puglia mette a disposizione un fondo da 5,6 milioni di euro cui potranno accedere sia privati cittadini (in via prioritaria i nuclei familiari numerosi o indigenti e le giovani coppie) che i condomini (con priorità stabilite secondo specifici punteggi e sulla base del numero di unità abitative residenziali presenti nell’immobile).

 

I beneficiari dovranno sottoscrivere una convenzione con il GSE per l’attivazione del servizio di scambio sul posto dell’energia elettrica prodotta. Il rimborso per l’eventuale quota di energia eccedente l’autoconsumo verrà ceduto dai beneficiari alla Regione, in modo da rimpinguare il fondo destinato al Reddito energetico e finanziare l’installazione di nuovi impianti, ampliando la platea degli utenti.